La necessità di capire che con la globalizzazione gli stati nazionali perderanno sempre più potere mentre il rapporto fondamentale sarà quello fra le grandi regioni e l’Europa e il mondo; i nodi dell’unità del 1861 che vengono al pettine; il grande nord è una realtà economica, sociale e culturale; le 4 glocal city europee, Londra, Parigi, Berlino e Milano.

So­no pas­sa­ti qua­si 40 an­ni dal­la sua espe­rien­za co­me pri­mo pre­si­den­te del­la Re­gio­ne Lom­bar­dia. Che co­sa ne pen­sa, che frut­ti può aver da­to, qua­li era­no le aspet­ta­ti­ve e qual è la si­tua­zio­ne in cui ci si tro­va og­gi?
Beh, io cre­do che sia cam­bia­to qua­si tut­to, e que­sto, tra l’al­tro, po­ne un pro­ble­ma an­che al­la Co­sti­tu­zio­ne. Quel­lo che ha cam­bia­to tut­to è sta­to l’av­ven­to del glo­ca­li­smo, cioè il fat­to che il rap­por­to del lo­ca­le con ciò che non è lo­ca­le, non è più con il na­zio­na­le, ma è col glo­ba­le o, nel ca­so eu­ro­peo, col con­ti­nen­ta­le. Quin­di, l’i­dea dei co­sti­tuen­ti, che era di fa­re le re­gio­ni so­stan­zial­men­te co­me una so­lu­zio­ne di de­cen­tra­men­to del­lo Sta­to, or­mai ir­re­ver­si­bil­men­te cen­tra­le per le scel­te del 1861, non ha più mol­to sen­so. For­se ha sen­so am­mi­ni­stra­ti­va­men­te, può ri­guar­da­re l’or­ga­niz­za­zio­ne del­le pre­fet­tu­re, ma cer­to non lo ha per quan­to ri­guar­da la ve­ra so­stan­za del de­cen­tra­men­to, che è po­li­ti­ca, per­ché ri­guar­da il pro­ces­so de­mo­cra­ti­co nel­la di­re­zio­ne che le è na­tu­ra­le, cioè dal bas­so ver­so l’al­to. È chia­ro che og­gi il te­ma del­l’ar­ti­co­la­zio­ne del­la vo­lon­tà po­li­ti­ca nel­le di­ver­se par­ti del Pae­se e quin­di nel­le sue di­ver­si­tà, ai fi­ni di una ri­com­po­si­zio­ne ad uni­tà nel­la di­men­sio­ne na­zio­na­le, non è più il te­ma do­mi­nan­te, in quan­to fuo­ri dal­la di­men­sio­ne lo­ca­le, per il ca­so del­la Lom­bar­dia, ma più in ge­ne­ra­le del­la Pa­da­nìa, cioè del gran­de nord, si guar­da al­la di­men­sio­ne che la tra­scen­de, ver­so l’Eu­ro­pa o ver­so il mon­do. Que­sta no­vi­tà as­so­lu­ta sta tra­vol­gen­do la cer­tez­za, con­so­li­da­ta da West­fa­lia fi­no a og­gi, che lo sta­to na­zio­na­le, e quin­di un po­po­lo, si de­fi­ni­va sul­la ba­se di con­fi­ni, cuius re­gio eius re­li­gio, non del­la so­cio­lo­gia. Gli ita­lia­ni so­no sta­ti crea­ti dal Ri­sor­gi­men­to, e da tut­to quel­lo che ha fat­to se­gui­to, fi­no al li­mi­te di far di­ven­ta­re ita­lia­ni gli al­toa­te­si­ni a se­gui­to di una guer­ra, o i val­do­sta­ni, sal­vo poi ri­co­no­sce­re a ma­la­pe­na quel­le dif­fe­ren­ze nel­la Co­sti­tu­zio­ne del Se­con­do do­po­guer­ra con le re­gio­ni a sta­tu­to spe­cia­le. Og­gi pe­rò la di­men­sio­ne del­la dif­fe­ren­za, es­sen­zial­men­te fra il nord e il sud del­l’I­ta­lia, è di­ven­ta­ta una di­men­sio­ne tal­men­te pe­ne­tran­te, da spin­ge­re a co­sti­tuir­si in po­lis so­stan­zial­men­te di­ver­se.
Quin­di an­che le dif­fe­ren­zia­zio­ni re­gio­na­li pos­so­no sal­ta­re o di­ven­ta­re fit­ti­zie…
Te­nia­mo pre­sen­te che, in fon­do, la tri­par­ti­zio­ne del­l’I­ta­lia fra nord, cen­tro e sud, or­mai scric­chio­la, per­ché l’al­ta ve­lo­ci­tà ha re­so Fi­ren­ze nord. Se lei glie­lo chie­de, i fio­ren­ti­ni non si sen­to­no più “del cen­tro”, che era, tra l’al­tro, una con­no­ta­zio­ne più che al­tro po­li­ti­co-ideo­lo­gi­ca, per­ché il cen­tro era ros­so, e an­ch’es­sa og­gi è ve­nu­ta me­no. La geo­po­li­ti­ca fa di Fi­ren­ze una cit­tà che può gra­vi­ta­re ugual­men­te su Ro­ma o su Mi­la­no, ma che pro­gres­si­va­men­te sta sce­glien­do di gra­vi­ta­re su Mi­la­no, su To­ri­no o su Bo­lo­gna. A tren­ta mi­nu­ti di di­stan­za è chia­ro che i rap­por­ti tra Fi­ren­ze e Bo­lo­gna so­no cam­bia­ti ra­di­cal­men­te. Tut­to è cam­bia­to mol­tis­si­mo.
Ov­via­men­te an­che l’Eu­ro­pa ha con­tri­bui­to gran­de­men­te al cam­bia­men­to…
Cer­ta­men­te. In que­sto con­te­sto di cam­bia­men­ti, che chia­me­rei on­to­lo­gi­ci, an­che se la pa­ro­la non si può usa­re, nel sen­so pro­prio del­l’es­sen­za del­la real­tà so­cio-po­li­ti­ca, è cam­bia­to an­che il qua­dro isti­tu­zio­na­le. Mol­ti dei pro­ble­mi la cui re­go­la­zio­ne era af­fi­da­ta al­lo sta­to cen­tra­le so­no or­mai af­fi­da­ti al­la di­men­sio­ne eu­ro­pea. E qui si in­con­tra un al­tro pro­ble­ma, che è un po’ com­pli­ca­to da spie­ga­re bre­ve­men­te, ed è che il glo­ca­li­smo non ha sol­tan­to cam­bia­to la mor­fo­lo­gia, la geo­gra­fia del­la po­li­ti­ca, ma ne ha cam­bia­to an­che il fun­zio­na­men­to, l’or­ga­niz­za­zio­ne del po­te­re. In un’or­ga­niz­za­zio­ne po­li­ti­ca co­strui­ta sui li­mi­ti ter­ri­to­ria­li, il con­fi­ne era il pun­to ad quem per il po­te­re del prin­ci­pe.
Og­gi non è più co­sì, per­ché, men­tre il con­trol­lo del ter­ri­to­rio è an­da­to spo­stan­do­si, com’e­ra fa­ta­le, ver­so i po­te­ri lo­ca­li, il con­trol­lo del­le gran­di fun­zio­ni, che so­no quel­le che in­ner­va­no la vi­ta po­li­ti­ca ed eco­no­mi­ca, si è spo­sta­to, in mol­ti ca­si, a li­vel­lo glo­ba­le. Ba­sta pen­sa­re al tra­sfe­ri­men­to del­le at­ti­vi­tà pro­dut­ti­ve, al­la lo­gi­ca dei co­sti com­pa­ra­ti, che or­mai è quel­la glo­ba­le. Det­to tra pa­ren­te­si: da que­sto pun­to di vi­sta il fat­to che l’Eu­ro­pa sia na­ta co­me po­te­re fun­zio­na­le, co­me Co­mu­ni­tà del car­bo­ne e del­l’ac­cia­io e poi si sia or­ga­niz­za­ta in­tor­no a po­te­ri fun­zio­na­li, l’a­gri­col­tu­ra, può di­ven­ta­re un van­tag­gio.
Ma pen­sia­mo al­la fi­nan­za: at­tra­ver­sa tut­ta la geo­gra­fia del mon­do. E qui il ca­so che ci ri­guar­da più da vi­ci­no è l’u­ni­tà mo­ne­ta­ria: ave­re un’u­ni­tà mo­ne­ta­ria che se­gua lo­gi­che non ter­ri­to­ria­li, ma glo­ba­li ed eu­ro­pee (pen­sia­mo an­che so­lo ai tas­si in fi­nan­za) fa sì che il di­va­rio fra quel­lo che suc­ce­de nei ter­ri­to­ri e quel­lo che suc­ce­de nel­le fun­zio­ni, ap­pa­re mol­to più ri­le­van­te. Ba­sta che in un pun­to qua­lun­que del mon­do e quin­di an­che del­l’Eu­ro­pa o del­l’I­ta­lia, i co­sti com­pa­ra­ti del­le uni­tà pro­dut­ti­ve non col­li­mi­no più con la ca­pa­ci­tà at­trat­ti­va del ter­ri­to­rio, che l’im­pian­to si spo­sta. Lo stes­so va­le per i ca­pi­ta­li che or­mai viag­gia­no con una ra­pi­di­tà estre­ma. Ma que­sto va­le an­che per il con­trol­lo del ter­ri­to­rio: ba­sta pen­sa­re a Schen­gen e al­l’e­mi­gra­zio­ne, la gen­te sbar­ca a Lam­pe­du­sa per an­da­re a Bru­xel­les. Quin­di il fat­to che il go­ver­no del­le fun­zio­ni prin­ci­pa­li, a co­min­cia­re dal­la fi­nan­za, dal­la mo­ne­ta, dal­l’e­ner­gia, dal­l’e­co­lo­gia, tut­ta la di­men­sio­ne am­bien­ta­le, sia or­mai fuo­ri dal con­trol­lo del­la di­men­sio­ne na­zio­na­le, è la cau­sa del­la cri­si ve­ra de­gli sta­ti-na­zio­ne.
Quin­di una cri­si epo­ca­le, ir­ri­me­dia­bi­le?
Beh, in un cer­to sen­so sì e non è can­tan­do l’In­no al­la pri­ma del­la Sca­la che si tie­ne vi­va l’u­ni­tà na­zio­na­le. Cer­to, si tie­ne vi­va quel­la sim­bo­li­ca, ed è del tut­to na­tu­ra­le che, nel mo­men­to in cui si di­sar­ti­co­la l’u­ni­tà rea­le, tut­ti so­stan­zi­no quel­la sim­bo­li­ca; co­sì la na­zio­na­le di foot­ball di­ven­ta im­por­tan­te e l’in­no bi­so­gna im­pa­rar­lo a me­mo­ria, co­sa che nes­su­no di noi ave­va mai fat­to. Io cre­do di es­se­re sta­to un buon ita­lia­no an­che sen­za sa­pe­re l’in­no. Ho fat­to la na­ja vo­len­tie­ri. Ma an­che lì, per­fi­no nel­la na­ja lo ve­dia­mo: ades­so uno in ar­ti­glie­ria si tro­va con gli in­gle­si, se è nei car­ri ar­ma­ti si tro­va coi te­de­schi, l’a­via­zio­ne è un’a­via­zio­ne Na­to, gli ae­rei so­no gli stes­si per tut­ti…
Ora, tut­to que­sto fa sì che non so­lo la vec­chia lo­gi­ca non sia più di­ri­men­te dei no­stri pro­ble­mi di vi­ta e di vi­ta po­li­ti­ca, ma che la nuo­va lo­gi­ca ci met­ta di fron­te a nuo­vi pro­ble­mi mol­to com­ples­si. Pren­dia­mo, ap­pun­to, il pro­ble­ma ita­lia­no del­le dif­fe­ren­ze fra nord e sud: men­tre pri­ma po­te­va­no es­se­re me­dia­te nel con­trol­lo mo­ne­ta­rio, va­rian­do la me­dia con la dif­fe­ren­za dei cam­bi, og­gi que­sto non fun­zio­na più. E di­rei che que­sto è un pro­ble­ma, o il pro­ble­ma, per tut­ta l’Eu­ro­pa. Per­ché si è par­la­to tan­to del­la Gre­cia? Per­ché la pro­dut­ti­vi­tà di tut­to il sud d’Eu­ro­pa è si­mi­le a quel­la del­la Gre­cia. Ec­co, la pro­dut­ti­vi­tà del­l’E­mi­lia o del­la Lom­bar­dia, in­ve­ce, è più vi­ci­na a quel­la del­la Ba­vie­ra. Al­lo­ra, se io pos­so fa­re la me­dia fra le due e di­vi­der­mi dal re­sto del mon­do, è chia­ro che pos­so di­fen­de­re l’u­ni­tà na­zio­na­le fa­cen­do la Cas­sa del mez­zo­gior­no. Ma se de­vo rin­cor­re­re la pa­ri­tà con Hel­sin­ki o con la Sve­zia, o con la Ba­vie­ra, è chia­ro che il gio­chi­no ri­schia di es­se­re im­pos­si­bi­le. In­fat­ti so­no as­so­lu­ta­men­te con­vin­to che con l’at­tua­le trend di di­va­ri­ca­zio­ne del­la pro­dut­ti­vi­tà to­ta­le del sud del­l’Eu­ro­pa dal nord del­l’Eu­ro­pa, l’u­ni­tà mo­ne­ta­ria, ri­gi­da com’è ades­so, ha po­che pro­ba­bi­li­tà di so­prav­vi­ve­re. Io l’ho det­to, fin dal­l’i­ni­zio del­la “que­stio­ne gre­ca”: tu, un gre­co non lo fai di­ven­tar te­de­sco nean­che se lo ba­sto­ni per die­ci an­ni, un gre­co è un gre­co, un te­de­sco è un te­de­sco. Per ren­de­re il gre­co si­mi­le al te­de­sco, tu ci met­ti cin­quan­t’an­ni, co­me mi­ni­mo, e ov­via­men­te so­lo nel set­to­re pro­dut­ti­vo, per ave­re, cioè, dei li­vel­li di pro­dut­ti­vi­tà vi­ci­ni, la­scia­mo per­de­re la tra­di­zio­ne cul­tu­ra­le do­ve non ce la fa­rai mai.
Del re­sto ba­sta ri­flet­te­re sul ca­so ita­lia­no: la pri­ma re­pub­bli­ca non è riu­sci­ta ad av­vi­ci­na­re il sud al nord. C’è sta­to so­lo un mo­men­to, for­se ne­gli an­ni Set­tan­ta, in cui sem­bra­va che il sud Ita­lia aves­se un trend di svi­lup­po più ele­va­to di quel­lo del nord e quin­di aves­se la pos­si­bi­li­tà di av­vi­ci­nar­si, ma og­gi la ten­den­za è de­ci­sa­men­te quel­la di un au­men­to del­la di­va­ri­ca­zio­ne. E que­sti so­no fe­no­me­ni che non han­no tem­pi ve­lo­ci co­me quel­li del­la fi­nan­za. Ri­com­por­re l’u­ni­tà dei li­vel­li pro­dut­ti­vi in un Pae­se co­me l’I­ta­lia non si può fa­re in tre an­ni, se non su qual­che fun­zio­ne. Ma, an­che lì, è dif­fi­ci­le: ba­sta pen­sa­re al­l’Il­va, per ca­pi­re che per te­ner­la com­pe­ti­ti­va con l’ac­cia­io del mon­do, ci so­no pro­ble­mi dif­fi­ci­lis­si­mi da di­ri­me­re in ter­mi­ni na­zio­na­li e di­fat­ti nes­su­no ha po­sto il pro­ble­ma. Nes­su­no ha po­sto il pro­ble­ma del co­strui­re un’e­co­no­mia del­l’ac­cia­io na­zio­na­le per te­ne­re den­tro l’Il­va, per fa­re un esem­pio…
Al­lo­ra, lei mi di­ce­va: co­s’è cam­bia­to? Io non vo­glio di­re “tut­to”, per­ché non è ve­ro, ma cer­ta­men­te mol­tis­si­mo. Cer­ta­men­te il glo­ca­li­smo, pro­ces­so a mio av­vi­so ir­re­ver­si­bi­le, ha cam­bia­to mol­ti aspet­ti ba­si­la­ri del­l’as­set­to po­li­ti­co-isti­tu­zio­na­le che por­tò al­la co­stru­zio­ne del­le uni­tà na­zio­na­li.
Quin­di? Ognu­no per la sua stra­da?
La que­stio­ne fon­da­men­ta­le, di so­li­to tra­scu­ra­ta, è co­me cam­bia il lo­ca­le quan­do noi dob­bia­mo rap­por­tar­ci col glo­ba­le. La spin­ta ad ac­cen­tua­re le di­ver­si­tà, per fa­re del­la lo­ro pre­sa d’at­to la con­di­zio­ne per sta­re in­sie­me, di­ven­ta for­tis­si­ma. Se non è più pos­si­bi­le fa­re la me­dia, io de­vo or­ga­niz­za­re il gio­co piut­to­sto sul­la com­ple­men­ta­rie­tà, cioè a di­re che al­lo­ra il sud fac­cia be­ne il sud e il nord fac­cia be­ne il nord per tro­va­re poi, nel­la re­la­zio­ne fra i due, una mag­gior for­za. Quin­di non più re­la­zio­ni che ser­va­no al­l’u­ni­fi­ca­zio­ne, a un’o­mo­ge­neiz­za­zio­ne im­pos­si­bi­le, ma una com­ple­men­ta­rie­tà nel­la dif­fe­ren­zia­zio­ne: re­la­zio­ni, cioè, fra sog­get­ti di­ver­si che sia­no pe­rò cen­tri­pe­te e non cen­tri­fu­ghe, cioè che spin­ga­no a sta­re in­sie­me in un in­te­res­se re­ci­pro­co. D’al­tra par­te in Eu­ro­pa può suc­ce­de­re lo stes­so: una spin­ta del­le gran­di re­gio­ni, pri­ma di an­da­re nel mon­do, a raf­for­zar­si in una di­men­sio­ne con­ti­nen­ta­le. Quel­lo che sta av­ve­nen­do, e che fa­tal­men­te av­ver­rà in Eu­ro­pa, è una rior­ga­niz­za­zio­ne del­la so­cie­tà po­li­ti­ca eu­ro­pea con un ri­tor­no al­le ag­gre­ga­zio­ni del­le di­ver­si­tà, la lo­ro ri­com­po­si­zio­ne in un qua­dro isti­tu­zio­na­le mo­der­no, fa­cen­do spa­zio al­l’or­ga­niz­za­zio­ne fun­zio­na­le. Quin­di il pro­ble­ma del­la de­mo­cra­zia e del­la rap­pre­sen­tan­za, beh, cam­bie­rà no­te­vol­men­te. Pro­prio og­gi mi son let­to nel­l’E­co­no­mi­st due pa­gi­ne di ana­li­si mol­to ac­cu­ra­ta sul­le pos­si­bi­li­tà del­l’In­ghil­ter­ra di sta­re den­tro o fuo­ri dal­l’Eu­ro­pa. E co­s’è che vie­ne fuo­ri? Vie­ne fuo­ri che il di­lem­ma è pro­prio quel­lo de­gli in­te­res­si lo­ca­li, che van­no dai prez­zi dei ser­vi­zi fi­nan­zia­ri a quel­li del­l’a­gri­col­tu­ra, del co­sto del­la vi­ta, del­l’or­ga­niz­za­zio­ne eco­lo­gi­ca, ec­ce­te­ra, che so­no re­go­la­ti nei mo­di più di­ver­si. Ec­co al­lo­ra il du­pli­ce pro­ble­ma: ri­tro­va­re la di­men­sio­ne giu­sta per es­se­re una co­mu­ni­tà po­li­ti­ca, una po­lis e tro­va­re il mo­do giu­sto per es­se­re nel mon­do. Que­sta è la sfi­da del glo­ca­li­smo.
Un’Eu­ro­pa del­le re­gio­ni, quin­di…
Il mon­do del fu­tu­ro non sa­rà un mon­do di sta­ti-na­zio­ne, ma di cit­tà, di glo­cal ci­ty. Più del 50% dei set­te mi­liar­di di abi­tan­ti del mon­do sa­rà inur­ba­to. Di que­sto in Ita­lia non se ne par­la, ma l’UE ha già pre­fi­gu­ra­to l’Eu­ro­pa co­me una re­te di una quin­di­ci­na di gran­di aree me­tro­po­li­ta­ne, fra di lo­ro, fra l’al­tro, in ge­rar­chia, con quat­tro gran­di glo­cal ci­ty che so­no Lon­dra, Pa­ri­gi, Ber­li­no e Mi­la­no, do­ve a Mi­la­no, è af­fi­da­to, co­me da Dio­cle­zia­no in poi del re­sto, il rap­por­to tra l’Eu­ro­pa e il Me­di­ter­ra­neo. Di fron­te ad una ta­le sfi­da, dob­bia­mo co­min­cia­re a ra­gio­na­re su co­sa sa­ran­no To­ri­no, Mi­la­no, Ve­ne­zia, Bo­lo­gna. Ave­te vi­sto la fo­to­gra­fia del­l’I­ta­lia dal cie­lo pub­bli­ca­ta in que­sti gior­ni? Beh, le zo­ne di il­lu­mi­na­zio­ne ar­ri­va­no fi­no a Pe­sa­ro. Io ri­cor­do che per la Bas­set­ti, il de­po­si­to di Bo­lo­gna ar­ri­va­va fi­no a Pe­sa­ro co­me area com­mer­cia­le… Ec­co, quel col­po di lu­ci lì, da To­ri­no a Pe­sa­ro, chia­mia­mo­lo nord Ita­lia, chia­mia­mo­lo Pa­da­nìa -che è di­scu­ti­bi­le per­ché den­tro c’è an­che l’A­di­ge- chia­mia­mo­lo Lon­go­bar­dia o Gal­lia Ci­sal­pi­na o, co­me fa l’Eu­ro­pa, Eu­ro-Med (eu­ro me­di­ter­ra­nea), di­mo­stra che noi sa­re­mo cit­ta­di­ni del­la stes­sa glo­cal ci­ty. Sem­bra una sfi­da, ma è già lì! Da Bo­lo­gna a Mi­la­no in tre­no ci met­to un’o­ra, qua­ran­ta­quat­tro mi­nu­ti con Ita­lo da Mi­la­no a To­ri­no: so­no i tem­pi del­l’M1, la li­nea uno del me­trò mi­la­ne­se.
Que­sto per di­re che co­sa? Che bi­so­gna in­ter­ro­gar­si su co­s’è la Lom­bar­dia, co­s’è l’E­mi­lia, per­ché le ca­rat­te­ri­sti­che del­la glo­cal ci­ty so­no di na­tu­ra so­cio­lo­gi­ca, so­cio-eco­no­mi­ca, an­che cul­tu­ra­li, ma so­no già an­che isti­tu­zio­na­li.
In Glo­bus et Lo­cus ab­bia­mo fat­to un’in­da­gi­ne sul­la lo­gi­sti­ca di Mi­la­no e ab­bia­mo sco­per­to che la lo­gi­sti­ca di Mi­la­no ha due pun­ti di con­cen­tra­zio­ne: uno a Pia­cen­za e uno a No­va­ra. Pia­cen­za è in Emi­lia, No­va­ra è in Pie­mon­te. Al­lo­ra, se uno de­ve fa­re una po­li­ti­ca lo­gi­sti­ca, è chia­ro che il pre­si­den­te del­la Re­gio­ne Lom­bar­dia in quan­to ta­le può so­lo far­la a me­tà, per­ché l’IT Tran­sit, che sboc­ca a Ge­no­va, sen­za la Li­gu­ria che co­sa fa? La tan­gen­zia­le est-ove­st sen­za il Pie­mon­te e il Ve­ne­to co­sa fa? Mi­la­no-Ro­ma, sen­za Bo­lo­gna co­sa fa? Ma ba­ste­reb­be pren­de­re la mo­bi­li­tà del­le per­so­ne. Se il mio di­scor­so è ve­ro, in ter­mi­ni di ana­li­si dei fat­ti, è an­cor più ve­ro in ter­mi­ni di ana­li­si del pen­sie­ro: la mi­la­ne­si­tà, piut­to­sto che l’i­ta­lia­ni­tà, so­no ra­di­cal­men­te cam­bia­te. Ai miei tem­pi era chia­ris­si­mo co­s’e­ra la lin­gua e co­s’e­ra il dia­let­to, og­gi non è più co­sì. Nel mon­do ab­bia­mo in gi­ro un sac­co di gen­te che sa il dia­let­to pie­mon­te­se e lo spa­gno­lo di Bue­nos Ai­res. Il rap­por­to tra la lin­gua e quel­lo che noi chia­ma­va­no il dia­let­to non è più quel­lo ge­rar­chi­co; i dia­let­ti, cer­te vol­te, di­ven­ta­no la di­fe­sa di spe­ci­fi­ci­tà, ma ri­spet­to al­l’in­gle­se. La cul­tu­ra dei miei ni­po­ti è re­go­la­ta dal web. Og­gi sul Cor­rie­re c’e­ra la no­ti­zia che i ra­gaz­zi­ni chie­do­no l’i­Pad al­la mam­ma a no­ve an­ni. Que­sti non so­no mi­ca fat­ti de­ter­mi­na­ti dal Mi­ni­ste­ro del­la Pub­bli­ca Istru­zio­ne, ma di­ret­ta­men­te da Pa­lo Al­to o dal­la Ca­li­for­nia. Qui si ve­de, an­che se per ra­gio­ni ab­ba­stan­za com­pren­si­bi­li, quan­to sia vec­chio l’at­tua­le di­bat­ti­to po­li­ti­co no­stra­no…
In­fat­ti. Lei fa­ce­va ri­fe­ri­men­to al li­vel­lo isti­tu­zio­na­le, ma se pen­sia­mo a co­sa so­no sta­ti ca­pa­ci di fa­re i no­stri go­ver­ni vie­ne in men­te so­lo la ri­for­ma del ti­to­lo V, del 2001, che è to­tal­men­te di re­tro­guar­dia, fuo­ri dal tem­po e ha por­ta­to dan­ni…
As­so­lu­ta­men­te! Ma, co­me di­ce­vo, il pe­ri­co­lo è che que­sta cri­si del­l’Eu­ro­pa ali­men­ti una ten­ta­zio­ne re­gres­si­va, il che ci fa sem­bra­re fuo­ri dal­la sto­ria.
In fon­do tut­ti i guai del no­stro Ri­sor­gi­men­to si so­no in­ve­ra­ti nel 1861 con le leg­gi cen­tra­li­ste. Io ho qui uno stu­dio di un’e­co­no­mi­sta fran­ce­se che si chia­ma Sté­pha­nie, mol­to ben fat­to, su co­sa ci sia di più si­mi­le al­l’u­ni­fi­ca­zio­ne mo­ne­ta­ria del­l’eu­ro nel­la sto­ria eu­ro­pea. La co­sa più si­mi­le è sta­ta l’u­ni­fi­ca­zio­ne del­la li­ra ita­lia­na, nel 1862-63. Be­ne, nel 1862, ad ave­re, di­cia­mo, lo spread più bas­so, era il Re­gno del­le due Si­ci­lie, che pa­ga­va il 2-3% di in­te­res­si sui bond, sui buo­ni, men­tre il Pie­mon­te pa­ga­va il 9% e la Lom­bar­dia pa­ga­va l’11%. Cioè a di­re esat­ta­men­te il con­tra­rio di quel che suc­ce­de ades­so. In real­tà bi­so­gne­rà pu­re ri­co­no­scer­lo: l’u­ni­fi­ca­zio­ne, che dal pun­to di vi­sta so­cio­lo­gi­co e cul­tu­ra­le, è sta­ta cer­ta­men­te un suc­ces­so ir­re­ver­si­bi­le, dal pun­to di vi­sta isti­tu­zio­na­le è sta­to pro­prio un er­ro­re, tan­to è ve­ro che, 150 an­ni do­po, tut­ti i no­di stan­no ve­nen­do al pet­ti­ne. Al­lo­ra, che una per­so­na col­ta, for­ma­ta sui pro­ble­mi più glo­ba­li al mon­do -e più glo­ba­le del­la fi­nan­za c’è so­lo l’e­co­lo­gia!- se ne ven­ga fuo­ri, di fat­to, con so­lu­zio­ni che ri­pe­to­no tut­ti gli er­ro­ri del cen­tra­li­smo, è si­gni­fi­ca­ti­vo di una cri­si cul­tu­ra­le che at­ta­na­glia il po­te­re e quin­di coin­vol­ge l’es­sen­za del­la de­mo­cra­zia. Per­ché la de­mo­cra­zia co­s’è? È il po­po­lo che eser­ci­ta il po­te­re, e si può ave­re una si­tua­zio­ne in cui c’è il po­te­re e il po­po­lo non lo sa eser­ci­ta­re, ma c’è una si­tua­zio­ne, in­ve­ce, in cui è il po­te­re a non es­se­re eser­ci­ta­bi­le. E noi sia­mo in que­sta se­con­da si­tua­zio­ne di stal­lo. Que­sta di­sper­sio­ne nel­la vo­lon­tà po­li­ti­ca de­ri­va dal fat­to che eser­ci­ta­re il po­te­re con una ba­rac­ca co­sì sgan­ghe­ra­ta com’è quel­la de­gli sta­ti na­zio­na­li, nes­su­no è in gra­do di avan­za­re del­le pro­po­ste “via­bi­li”. Se ho una mac­chi­na che fun­zio­na, pos­so met­ter­mi a di­scu­te­re se an­dia­mo a Ba­ri o a Mi­la­no, ma se ho una car­ret­ta che non fun­zio­na, di­scu­te­re su do­ve an­da­re non ha più al­cun in­te­res­se.
Vo­glio di­re che in una si­tua­zio­ne si­mi­le, sia la si­ni­stra che la de­stra, una vol­ta al go­ver­no, non pos­so­no che fa­re er­ro­ri, an­che gra­vi. Lo si ve­de sul­l’I­mu: co­me fai a spie­ga­re al­la gen­te che l’I­mu è l’u­ni­ca tas­sa che tu puoi ap­pli­ca­re? Que­sto for­se po­te­va es­se­re ve­ro nel 1850, ma og­gi non è pen­sa­bi­le che tu non ab­bia un fi­sco che ti con­sen­ta di di­scri­mi­na­re tra i ric­chi e i po­ve­ri, se vuoi far­lo.
I go­ver­ni, da un po’ di tem­po, non fan­no che di­chia­ra­re i lo­ro non pos­su­mus: si può an­da­re avan­ti a di­re ”cer­to, que­sta è una ro­ba di­sa­stro­sa, vi chie­dia­mo per­do­no, pe­rò non sia­mo ca­pa­ci di fa­re di­ver­sa­men­te”? La real­tà è che la cri­si è nel­lo Sta­to, è nel­l’or­ga­niz­za­zio­ne del­la cra­zia, del po­te­re, do­po­di­ché il mo­do co­me que­sto si rap­por­ta al­la vo­lon­tà po­po­la­re di­ven­ta un hap­pe­ning. In que­sta si­tua­zio­ne pren­der­si la re­spon­sa­bi­li­tà di di­re: “Noi in­ter­pre­tia­mo la vo­lon­tà po­po­la­re, la or­ga­niz­zia­mo e la tra­sfor­mia­mo in po­li­ti­ca”, di­ven­ta obiet­ti­va­men­te dif­fi­ci­le. Al­lo­ra, cer­to, vie­ne fuo­ri la ca­sta, per­ché se la po­li­ti­ca ha per­so la sua fun­zio­ne e io de­vo se­le­zio­na­re del­la gen­te inu­ti­le, è chia­ro che la se­le­zio­ne del­la clas­se di­ri­gen­te si di­stor­ce e l’u­ni­ca mo­ti­va­zio­ne di­ven­ta lo sti­pen­dio. Da che mon­do è mon­do, la gen­te è mo­ti­va­ta dal­la fun­zio­ne.
Se tut­to que­sto è ve­ro, qual è la so­lu­zio­ne?
Pri­ma di tut­to bi­so­gna ca­pi­re che que­sta po­li­ti­ca di scas­sa­re i co­mu­ni, di stop­pa­re qua­lun­que ten­ta­ti­vo di af­fer­ma­zio­ne del­le re­gio­ni, per ri­pri­sti­na­re co­me uni­ca vi­sio­ne del­lo Sta­to, quel­la na­zio­na­le, che non ha più sen­so sto­ri­co, è pro­prio pu­ra fol­lia. Poi la co­sa prin­ci­pa­le da fa­re è ri­por­ta­re la po­li­ti­ca nel lo­ca­le ri­spet­tan­do la sua di­men­sio­ne ur­ba­na, che vuol di­re che la di­men­sio­ne del lo­ca­le non può più es­se­re so­lo quel­la del­le mu­ra cit­ta­di­ne, ma de­ve es­se­re so­prat­tut­to quel­la del­la gran­de re­gio­ne, quel­la di­men­sio­ne per la qua­le, in­som­ma, se sie­te ur­ba­ni a For­lì, lo sie­te di Bo­lo­gna e di Mi­la­no. Il mio rap­por­to con Am­bro­so­li si svol­ge su que­ste li­nee, at­tual­men­te. A Mi­la­no il pro­ble­ma ve­ro, lo si in­tra­ve­de già, sa­rà quel­lo dei rap­por­ti tra la Re­gio­ne e il Co­mu­ne. Per­ché se la ban­die­ra del­la glo­cal ci­ty la pren­de in ma­no il sin­da­co di Mi­la­no, co­sa re­sta del­la Re­gio­ne? Ec­co, l’u­ni­ca co­sa che po­treb­be fa­re il go­ver­na­to­re del­la Re­gio­ne, se Mi­la­no si sve­glia (co­sa che, ai miei tem­pi, pur­trop­po non suc­ces­se) è met­ter­si a la­vo­ra­re, a sua vol­ta, per fa­re la gran­de re­gio­ne. A mio av­vi­so se le par­ti de­vo­no es­se­re par­ti a ba­se di gran­de re­gio­ne, i par­ti­ti de­vo­no es­se­re omo­lo­ghi al­le par­ti.
Quin­di, bi­so­gna rior­ga­niz­za­re la po­lis lo­ca­le, pren­den­do at­to dei cam­bia­men­ti. Poi, in se­con­do luo­go, bi­so­gna cam­bia­re ra­di­cal­men­te quel­la che una vol­ta si chia­ma­va po­li­ti­ca “este­ra”, che de­ve es­se­re po­li­ti­ca “glo­cal”, cioè di co­me tu ge­sti­sci il rap­por­to con la di­men­sio­ne del glo­ba­le. Un “glo­ba­le” che non è più “este­ro”. La po­li­ti­ca nel Me­di­ter­ra­neo, og­gi, la fa più l’ad dell’ENI del Mi­ni­stro de­gli Este­ri – per la ve­ri­tà que­sto era già ve­ro al tem­po di Mat­tei. Ma lo stes­so va­le con Bru­xel­les. La di­plo­ma­zia di con­fi­ne non ha più sen­so, Dra­ghi cer­te vol­te sem­bra il no­stro Mi­ni­stro de­gli Este­ri a Bru­xel­les. Ma a co­sa ser­vo­no ven­ti­set­te am­ba­scia­te in Eu­ro­pa? I tre quar­ti dei fon­di del­la Far­ne­si­na so­no spe­si in Eu­ro­pa quan­do do­vreb­be­ro es­se­re spe­si fuo­ri dal­l’Eu­ro­pa per­ché la po­li­ti­ca este­ra in Eu­ro­pa la do­vreb­be fa­re, e in par­te la fa, Bru­xel­les, quel­la che con­ta s’in­ten­de.
Quin­di, non so­lo rior­ga­niz­za­re la po­li­ti­ca che una vol­ta si sa­reb­be chia­ma­ta “in­ter­na”, che io chia­mo “po­li­ti­ca lo­ca­le”, ma an­che or­ga­niz­za­re il rap­por­to tra la po­li­ti­ca lo­ca­le e la po­li­ti­ca glo­ba­le. Al­lo­ra la sfi­da sa­rà: co­me ver­ran­no or­ga­niz­za­te le gran­di re­gio­ni e la glo­cal ci­ty del pae­se che non po­trà non es­se­re Mi­la­no?
È un te­ma an­che mol­to con­cre­to. Ades­so ci so­no tre mi­liar­di di eu­ro per le smart ci­ty che si pos­so­no di­stri­bui­re. Al­lo­ra tu co­sa fai? Fai l’on­da ver­de, rea­liz­zi la ra­zio­na­liz­za­zio­ne dei se­ma­fo­ri o del­l’e­ner­gia? (E già tut­te le in­du­strie pro­dut­tri­ci dei sen­so­ri so­no mo­bi­li­ta­te a cat­tu­ra­re gli as­ses­so­ri). È que­sto la cit­tà in­tel­li­gen­te? Ho par­te­ci­pa­to a un con­ve­gno pro­prio a Bo­lo­gna sul pro­ble­ma del­le smart ci­ties e nel mio in­ter­ven­to ho det­to: at­ten­zio­ne, ché smart può vo­ler di­re due co­se; che i se­ma­fo­ri so­no in­tel­li­gen­ti, i lam­pio­ni si spen­go­no quan­do vien chia­ro, le aiuo­le si ba­gna­no quan­do è sec­co e non si ba­gna­no quan­do è umi­do, che co­me a San­tan­der i bi­do­ni del­la spaz­za­tu­ra, quan­do so­no pie­ni a due ter­zi, se­gna­la­no al­l’a­zien­da mu­ni­ci­pa­liz­za­ta che bi­so­gna an­dar lì a cam­biar­li, che se tu vuoi an­da­re in piaz­za del Duo­mo e sei in­gua­ia­to, ti di­co­no ‘vai da via Mon­for­te’… Ma que­sta è so­lo la smart­ness del­l’in­tel­li­gen­za ope­ra­ti­va. Ma la ve­ra smart­ness di una cit­tà è sa­pe­re qual è la sua vo­ca­zio­ne. Al­lo­ra, per esem­pio, per Mi­la­no, vo­glia­mo an­da­re a in­te­grar­ci con Mo­na­co o vo­glia­mo in­ve­ce ri­ma­ne­re Mid­land che fa il pon­te fra Mo­na­co e Tri­po­li? Que­sta è la sfi­da di Mi­la­no: es­se­re un’ap­pen­di­ce del­l’Eu­ro­pa o la cer­nie­ra tra l’Eu­ro­pa del nord e l’Eu­ro­pa del sud? Que­sto non va­le so­lo per Mi­la­no, va­le per tut­to il Nord-Ita­lia. E il sud fa­reb­be be­ne a ca­pi­re che lo stes­so è per lui. È la me­dia­zio­ne col nord, ma non via Mi­la­no, ma­ga­ri via Bar­cel­lo­na, via Co­stan­ti­no­po­li, ec­ce­te­ra. È que­sta la sua vo­ca­zio­ne og­gi, co­me per la ve­ri­tà è sta­ta ie­ri. Cioè la vo­ca­zio­ne del­le par­ti del Pae­se, che so­no so­stan­zial­men­te due, va tut­ta ri­pen­sa­ta. Cioè, il mo­do del sud di an­da­re in Eu­ro­pa non può es­se­re lo stes­so di Mi­la­no, non è fa­re l’ac­cia­io a Ta­ran­to in­ve­ce che a Bre­scia. È, per esem­pio, ca­pi­re le pro­spet­ti­ve che pos­so­no ave­re il tu­ri­smo, la cul­tu­ra, ec­ce­te­ra, e mo­ne­tiz­zar­le. E al­lo­ra, pro­ba­bil­men­te, se si bat­to­no stra­de di­ver­se, ci si po­treb­be tro­va­re ad­di­rit­tu­ra su­pe­ra­ti dal sud ri­spet­to al­le dif­fi­col­tà di un ade­gua­men­to del nord.
So­no ab­ba­stan­za vec­chio per ri­cor­da­re che quan­do ne­gli an­ni Cin­quan­ta si an­da­va a Na­po­li o a Pa­ler­mo era pre­sen­tis­si­ma la cul­tu­ra in­gle­se. Per esem­pio le boi­se­ries, l’at­trez­za­tu­ra de­gli uf­fi­ci, gli sboc­chi com­mer­cia­li, era tut­to di im­print in­gle­se o olan­de­se. Per­ché Na­po­li in Eu­ro­pa ci an­da­va via ma­re e an­che in po­li­ti­ca non ci an­da­va via Ro­ma. Ma che Na­po­li deb­ba an­da­re in Eu­ro­pa so­lo via Mi­la­no non ha sen­so.
Ma lo Sta­to che fi­ne fa?
Se­con­do me, lo sta­to cen­tra­le, nel pre­pa­rar­si a sfu­ma­re, do­vreb­be ac­com­pa­gna­re que­sta tra­sfor­ma­zio­ne, per­ché non è scon­ta­to che pos­sa ave­re al­tre so­lu­zio­ni. È chia­ro al­lo­ra che se lo sta­to na­zio­na­le, in­ve­ce di com­pri­me­re i cam­mi­ni spe­ci­fi­ci del­le par­ti del Pae­se, ca­val­cas­se la lo­ro sin­te­si e fos­se in gra­do di pro­por­re a Bru­xel­les, in mo­do cor­ret­to, la pre­sen­za in Eu­ro­pa del nord co­me del sud, beh, al­lo­ra sì che lo sta­to na­zio­na­le, in un cer­to sen­so, si dis­sol­ve­reb­be fa­cen­do il suo me­stie­re fi­no in fon­do. Pen­sa­te sol­tan­to al­la pos­si­bi­li­tà di ne­go­zia­re per con­to del­le gran­di re­gio­ni. È chia­ro che se due gran­di re­gio­ni d’Eu­ro­pa, co­me il nord e il sud d’I­ta­lia, ne­go­zia­no in­sie­me, so­no più for­ti. Quin­di an­che tut­ta la no­stra po­li­ti­ca eu­ro­pea bi­so­gne­reb­be, in qual­che mo­do, ri­pen­sar­la.
Cer­to, ca­pi­sco be­ne che tut­to il mio di­scor­so può sem­bra­re “vi­sio­na­rio”, ma spe­ro che lo sia nel si­gni­fi­ca­to in­gle­se, che a dif­fe­ren­za che in ita­lia­no non è un in­sul­to. Tra l’al­tro è la stes­sa vi­sio­ne di una par­te del­la so­cio­lo­gia più mo­der­na, ad esem­pio del­la Sas­sen, che ve­de l’Eu­ro­pa co­me una re­te di gran­di glo­cal ci­ty e quin­di più vi­ci­na al­le cit­tà an­sea­ti­che o al­l’or­ga­niz­za­zio­ne co­mu­na­le nel no­stro Ri­na­sci­men­to, che non al­l’e­spe­rien­za de­gli sta­ti na­zio­na­li.
Poi uno po­treb­be di­re: “Vab­bé, co­sa fac­cia­mo do­ma­ni?”. Io pen­so pe­rò che se uno ha chia­ro co­sa vuol fa­re do­po­do­ma­ni, di­ven­ta più fa­ci­le de­ci­de­re co­sa si fa do­ma­ni…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here